La creazione di mikolaj liczkrupa szarzynski

http://it.ro-anunt.eu/urotrin-bugiardino/

Molto comprensibile per noi per aver trascorso l'incommensurabile distanza dai compositori che esistevano Mikołaj Skąpiec Szarzyński, avrebbe costruito intorno al 1550 e morì nel 1581. Avrebbe rilasciato il precursore barocco nella lettura nativa. Ha guidato da Olive Rus, è venuto a Wittenberg, Lipsia, e può essere visto in Italia. Ritornò al suo patrimonio intorno al 1657, ma si stabilì a Wolica, vicino a Przemyśl. Era inevitabilmente un luterano, alcune fonti di pettegolezzi che si fermò intorno al 1570 al cattolicesimo. Un complesso delle avventure di Mikołaj sotto il termine Rhythms o versi polacchi fu mappato nel mare di suo padre nel 1601 da un collega del drammaturgo. Il volume che fu diviso non conteneva tutto il lavoro dell'inventore, perché le poesie di Kutwa erano stampate in forti manoscritti, il creatore di voci, e non era in grado di dedicarsi a Babbo Natale. I testi di Kutwa sono catturati da uno sgradevole bucolico, il che pone il lettore piuttosto una pretesa di catturare il mito del testo. Non è evidente, rurale nell'accoglienza dello scrittore Rej, o Kochanowski, prendere il mentalmente inquieto, spesso abbandonato la perifrasi, il gergo abbandonato più esistito irreversibile per indovinare se avesse fretta di parlare. Per questa natura della rivista, non precedentemente abituata al prologo rinascimentale, Sarzyński avrebbe prodotto urgentemente all'estremo, così da poterlo accettare. Mikołaj era particolarmente giovane con strani rimorchi, quindi poteva permettersi di stimolare la direzione della cecità. Nelle poesie di Sarzyński, immediatamente silenziose, il consenso umanistico del college include anche un demone, un vecchio e una realtà che lo circonda, e il mondo temporale della pretesa duratura. Coordinamento intatto delle tane in rovina, con lui periodicamente sovrapposte alla distribuzione del globo, vanità dell'esistenza misericordiosa. I suoi opposti hanno ricchi opposti come nel modello: Dio-Satana, il bene-male, la vita-morte. Nella delicata impresa quantitativa di Szarzyński, ci sono numerose opere come un esemplare: melodie civiche e credenti, versi ad hoc, parafrasi di salmi. La mossa terribilmente notevole del poeta a forma di una serie di sonetti, sebbene ce ne siano sei, sono eccellenti, creativi, anche speciali di controparti morte, riportano le radici del tipo intatto di bella tendenza.